Rebelot resiste... ma come finirà??

>> lunedì 11 maggio 2009

Eccomi di ritorno dai tre giorni di Rebelot.
Il ponte allestito con i banchi è sempre uno spettacolo da vedere... c'era musica, gente (soprattutto la sera, forse per via del caldo del pomeriggio), ottime salamelle e buona birra.
Gli "affari" sono andati bene, abbiamo avuto grosse soddisfazioni con le magliette da bimbi serigrafate... sono piaciute e sono andate a ruba!!!

Il problema però non è questo, cioè se abbiamo venduto molto o poco... il problema è un altro! il problema è politico e culturale, in questa città piatta, grigia, affumicata di smog... in questa città in cui la municipalità vuole uccidere ogni tipo di iniziativa. Rebelot è un modo di vivere la città, è un pensiero, è una filosofia di vita!! Rebelot vuole restituire a questa città grigia uno spiraglio di colore, di creatività, di musica... un barlume di pensiero positivo, attivo, vivo!!!!
Rebelot significa vivere in libertà la propria città... ma forse qui a milano non è possibile.

L'anno scorso gli Obej Obej non si sono tenuti per noi artigiani, anzi il sindaco e vicesindaco hanno speso cifre folli per fare intervenire polizia ed esercito per non farci aprire i banchi (vi ricordo che eravamo in un centinaio di artigiani, contro 3000 forse dell'ordine). leggi qui
Hanno chiuso Conchetta.
Questa è forse l'ultima edizione di rebelot.

Sapete cos'è successo venerdi pomeriggio???? Sono arrivati i funzionari sguinzagliati dal nostro sindaco e vicesindaco, volevano fare chiudere tutto, volevamo avere i nomi di tutti noi artigiani, volevano entrare e chiedere i documenti a tutti, si sono attaccati a ogni singola virgola pur di rompere le palle!!
Questa volta Rebelot ha resistito ma per il futuro??? cosa ci aspetta???
E' mai possibile che non potrò portare mio figlio in un bel mercato di artigiani, artigiani veri!!!!!!

Fai vivere la tua città
sostieni le autoproduzioni, promuovi l'autorganizzazione!!!
Autoproduci / Crea / Ri-usa

Perchè Rebelot nasce dalla libera espressione creativa del proprio ingegno, dalla volontà e dalla capacità di autorganizzarsi, dal desiderio di rendere vivi strade e quartieri!
Perchè Rebelot ama la creatività, il caos pulsante, il colore, le energie positive, la fantasia, la spontaneità e la partecipazione!!

11 commenti:

bipbip 11 maggio 2009 18:48  

Hai proprio ragione...certo io non vivo a Milano ma in una piccolissima realtà...ma certe iniziative devono essere sostenute!!
Sono contenta comunque che sia andato tutto bene...un bacione e grazie per la pubblicità e per aver partecipato al mio blog candy!

kinte75,  11 maggio 2009 18:52  

adoro questo tipo di iniziative purtoppo però dalle mie parti...non se ne sente nemmeno parlare
Apettiamo altre notizie in merito

*vitt*


www.aniceandcinnamon.splinder.com

stregaribelle 11 maggio 2009 20:03  

Conosco Rebelot da tempo, stavo pensando anche io di unirmi agli "espositori", davvero è una iniziativa fantastica, uno dei pochi sprazzi di vitalità in una milano ormai soffocata dagli interessi di pochi... fa tanto male vedere la città dove sono nata ridotta in questo modo...
Grazie a te e a tutti quelli che, in piccolo o in grande, contribuiscono a portare un pò di colore in mezzo a tanto grigio!

AbcHobby.it 11 maggio 2009 20:18  

grazie ragazze, parlarne aiuta a far girare la voce, a far sapere quello che succede in questa grigia e oppressiva città!!

grazie!!

pat 12 maggio 2009 08:18  

Ero così entusiasta che in città come Milano esistessero queste possibilità per gli artigiani, Rebelot!, ma ora sento che anche qusta è ostacolata in ogni modo! Vergogna agli amministratori! Qui a Sanremo sono andati oltre: c'è "qualche" grosso commerciante che letteralmente impedisce l'allestimento di mercatini dell'artigianto, e dato che è "in politica" ha tutto il potere che vuole! Che facciamo?!! Potere agli artigiani????! Ciao, tenete duro!!!! Pat

Tzugumi 12 maggio 2009 08:41  

Ma come?!? Tutti i telegiornali pullulano di good news in questo senso, esaltano la creatività ed il ritorno del buon artigianato e Milano, che da brava terrona consideravo un'isola progressista e amante di queste iniziative, fa chiudere i battenti a queste fiere? Non ho parole...davvero...e pensare che all'estero manifestazioni del genere sono apprezzate ed amate! Ti abbraccio...e incrocio le dita, sperando nell'illuminazione di qualcuno che conti...

Bietolina 13 maggio 2009 08:43  

Sono cosi' tristi certi mercati che definiscono mercatini e poi dentro di artigianato c'è ben poco....e poi ci sono cose cosi' belle che vogliono chiudere...io nn capisco...
Nel mio paese,piccolo rispetto a milano si fa una cosa del genere solo a natale ma spero diventi piu' grande :)
è come se nn facessero piu' la fiera dell'artigianato a cison di val marino
in bocca al lupo.....
w la creatività

PuntoCroce 13 maggio 2009 17:20  

No, non è possibile chiudere porte e portoni agli artigiani che vogliono fare un mercatino!!!!
Credo sia piacevole per tutti fare un giretto in mezzo alle bancarelle che espongono dei lavori preziosi, unici!!!
In bocca al lupo anche da parte mia!!!!
Ciao, a presto
Maria Rosa

Giulia 15 maggio 2009 16:38  

Cavoli, spero proprio di no, perchè io l'anno prossimo vivrò a Milano e questo Rebelot mi aveva proprio incuriosita, capperi!!!
Se pensate a qualche iniziativa di protesta contate su di me!

Anonimo,  19 novembre 2009 21:44  

necessita di verificare:)

Anonimo,  19 novembre 2009 21:45  

La ringrazio per intiresnuyu iformatsiyu

Posta un commento

Powered by Blomming for AbcHobby.iy
Related Posts with Thumbnails

Sostieni AbcHobby.it

Sostieni AbcHobby.it
Sostieni abchobby, fai una piccola donazione

LqA - Laniste quasi anonime

Visite

SIGNORAMIA (RI) CREAZIONI DI MAMME

IO CI SONO

IO CI SONO
dal 3 all' 8 DICEMBRE 2011

Ciao Sic... ti ricorderò sempre in bagarre... race your life!

  © Blogger template Simple n' Sweet by Ourblogtemplates.com 2009

Back to TOP